Hyper-V: Failed while adding virtual Ethernet switch connection

Provando ad associare una scheda di rete ad un Virtual Switch, può succedere che l’operazione fallisca col messaggio di errore:

Failed while adding virtual Ethernet switch connection. External Ethernet adapter ‘nome-scheda’ is already bound to the Microsoft Virtual Switch Protocol

already-bound

Andando a verificare le impostazione della scheda di rete, effettivamente è presente il protocollo “Hyper-V Extensible Virtual Switch“… anche se la scheda di rete non è associata ad alcun Virtual Switch.

Per modificare (in questo caso eliminare) il binding della scheda di rete esiste il tool NVSPbind scaricabile da QUI

Eliminata l’associazione col comando

NVSPbind /u “nome scheda di rete”

è possibile riassociarla ad un Virtual Switch

Snapshot non gestibili da Hyper-V con Backup Exec

Backuppando un’infrastruttura Hyper-V con Backup Exec (dalla release 2014), dopo il primo backup saranno presenti delle snapshot non gestibili dalla GUI di Hyper-V allacciate alla macchine virtuali. Andando a verificare le impostazioni delle VM, i dischi faranno riferimento ad un file di tipo AVHD/AVHDX. Questa impostazione impedirà quindi di gestire i dischi virtuali (p.e. estenderli. shrink, etc etc).

Questo è dovuto alla feature di Backup Exec “Faster processing method” per ambienti virtuali che teoricamente velocizza i backup. Viene creata una snapshot che sarà utilizzata come una sorta di cache per i nuovi dati, e consolidati al disco padre dopo l’avvenuto backup.

Per eliminare queste snapshot ci sono due metodi.
Il primo è quello di utilizzare uno script in powershell che va a fare il merge dei dischi. Soluzione, a mio avviso, sconsigliabile.
Il secondo è quello di utilizzare il metodo standard di backup (ovviamente di default è impostata l’altro metodo).
Per settarlo:
– menù di Backup Exec
– Configuration and Settings
– Backup Exec Settings.
– Virtual Machines
– Selezionare “Use the standard processing method”

BE-Faster-Standar-VM

Maggiori informazioni a QUESTO LINK

[Script Powershell] Connettersi sugli StorSimple serie 8000

Avendo avuto necessità di connettermi tramite Powershell sugli apparati StorSimple serie 8000 tramite HTTP, ho cercato uno script che mi permettesse di automatizzare la connessione.
Mi sono imbattutto nello script di Sam Boutros ma al momento di settare nei Trusted Host l’indirizzo dello StorSimple mi veniva restituito il seguente errore:
Set-Item : Cannot convert ‘System.Object[]’ to the type ‘System.String’ required by the parameter. Specified method is not supported.

Ho quindi modificato lo script come segue:
$StorSimpleIP = get-content -path .\IPStorSimple.txt

foreach ($address in $StorSimpleIP) {set-item wsman:\localhost\Client\TrustedHosts -Value $address.ToString() -Force}

# Get pwd for SSAdmin, store in encrypted local file for future automation
if (!(Test-Path -Path “.\SSCred.txt”)) {
Read-Host ‘Enter the pwd for your StorSimple administration’ -AsSecureString | ConvertFrom-SecureString | Out-File .\SSCred.txt
}
$Pwd = Get-Content .\SSCred.txt | ConvertTo-SecureString
$SSCred = New-Object -TypeName System.Management.Automation.PSCredential -ArgumentList “$StorSimpleIP\ssadmin”, $Pwd

$StorSimpleSession = Get-PSSession | where { $_.ComputerName -eq $StorSimpleIP }
if (! $StorSimpleSession) { $StorSimpleSession = New-PSSession -ComputerName $StorSimpleIP -Credential $SSCred -ConfigurationName SSAdminConsole }
$StorSimpleSession

Enter-pssession -credential $SSCred -ConfigurationName SSAdminConsole -ComputerName $StorSimpleIP

ScriptConnectStorSimple

Migrare VM da VmWare ad Azure Resource Manager (ARM)

E’ possibile migrare VM da VmWare ad Azure Resource Manager (ARS) in due modi:

  • AzureTramite MVMC
  • Manuale

In entrambi i casi, è richiesto Azure  Powershell (https://azure.microsoft.com/en-us/documentation/articles/powershell-install-configure/)

  • Tramite MVMC
    Utilizzando Microsoft Virtual Machine Converter (MVMC). Download QUA.
    La migrazione sarà semi-automatica in quanto MVMC 3.1 non supporta ASR
  1. Installare MVMC in una macchina configurata sulla stessa rete del vCenter/server ESX
  2. Eseguire la migrazione tramite il wizard o tramite cmdlet Powershell 3.0
  3. Copiare i VHD nello storage account in ARM tramite il cmdlet Powershell Start-AzureStorageBlobCopy.
    Qua gli script preconfigurati: https://www.opsgility.com/blog/windows-azure-powershell-reference-guide/copying-vhds-blobs-between-storage-accounts/
  4. Creare la nuova VM tramite Powershell Azure con i dischi copiati (https://azure.microsoft.com/en-us/documentation/articles/virtual-machines-ps-create-preconfigure-windows-resource-manager-vms/)
  5. Eliminare i dischi dallo storage account “classico”
  • Manuale
    Verranno creati i VHD tramite il software Disk2VHD. Download QUA
  1. Installare Disk2VHD nella macchina da convertire
  2. Convertire i dischi da uploadare
  3. Eseguire l’upload dei dischi tramite il seguente comando Powershell:
     Add-AzureRmVhd -ResourceGroupName YourResourceGroup -Destination “<StorageAccountURL>/<BlobContainer>/<TargetVHDName>.vhd” -LocalFilePath <LocalPathOfVHDFile>
  4. Creare la nuova VM tramite Powershell Azure con i dischi copiati (https://azure.microsoft.com/en-us/documentation/articles/virtual-machines-ps-create-preconfigure-windows-resource-manager-vms/)

Hyper-V: network lento su macchine virtuali

Implementando un sistema di virtualizzazione su Hyper-V Windows 2012 R2 su delle schede di rete Broadcom, il traffico di rete delle Virtual Machine attestate su queste schede risulta particolarmente lento nonostante i firmware aggiornati all’ultima release disponibile (al momento in cui scrivo Broadcom NetXtreme Network Device Firmware 7.10 last update 12 febbraio 2016).

Per tornare ad una normale operatività, ho dovuto disattivare la “Virtual Machine Queue” dalle schede di rete interessate.

Broadcom - VMQ

Per maggiori informazioni: https://support.microsoft.com/en-us/kb/2902166

Modificare l’indirizzo IP di Management su NetApp FAS

Come modificare l’indirizzo IP di Management su NetApp FAS:

1- Collegarsi in SSH all’apparato
2- identificare la configurazione delle schede di rete dedicate al management
network interface show -curr-port e0M
Verranno visualizzate le configurazioni delle due porte di management
3- entrare in “Advanced mode”
set advanced
rispondere “y” all’avviso
4 – modificare l’indirizzo ip
network interface modify -vserver <node_name> -lif mgmt1 -home-node <node_name> -home-port e0M -address <ip_address> -netmask <netmask>
eseguire il comando per entrabe le schede di rete
5- verificare la corretta confgiurazione
network interface show -curr-port e0M

HV Host Service: Error 31

Tentando di avviare una macchina virtuale in Hyper-V, mi è apparso il seguente errore:

error hypervAn error occurred while attempting to start the selected virtual machine(s).

<name-vm> failed to restore virtual virtual machine state.

Virtual machine <name-vm> could not be started because the hypervisor is not running

Il BIOS è settato regolarmente per eseguire Hyper-V.

Verifico quindi i servizi, e scopro che il servizio HV Host Service non è partito. Tento quindi di farlo partire manualmente, ma con un “Error 31: A device attached to the system is not functioning” il servizio rimane fermo.

hvhost_error31

Le ricerche sul web indicano più o meno tutte di mettere mano al registro di sistema… la cosa mi convince poco.

Disinstallo quindi il servizio Hyper-V, riavvio e reinstallo: tutto torna a funzionare perfettamente.

Backup Exec 2014: Unable to establish trust with “server”.

Tentando di riconfigurare un job di backup in Backup Exec 2014 modificando la selection list, può capitare questo errore inerente la connessione SSL:

Unable_trust

Unable to establish trust with serer.
Backup Exec cannot estabilish a trust with the remote computer because an SSL connection cannot be set up. You can attempt to resolve this issue by re-establishing the trust between the Backup Exec server and remote computer.

 

 

Ristabilire il trust dalla Amministration Console non ha portato risultati.
E’ stata invece risolutiva la seguente KB Veritas per la rigenerazione dei certificatihttps://www.veritas.com/support/en_US/article.TECH196158

Riavviato il Media Server, il sistema ha ripreso a funzionare correttamente.

Disabilitare Quick Access (Accesso Rapido) in Windows 10

La nuova feature presente in Windows 10 Quick Access (Accesso Rapido) consente di accedere immediatamente ai file creati o modificati più di recente all’apertura di File Explorer.

Quick access disablePer accedere direttamente a This PC (Questo PC):

1 – Aprire File Explorer

2 – View Tab -> Options

3 – Dal menù a tendina “Open File Explorer to:” selezionare This PC

4 – Cliccare OK

 

Maggiori informazioni in questo link

 

SCVMM 2012 R2 – Error 1604

Configuro l’infrastruttura SC VMM 2012 R2 come da Best Practice (https://technet.microsoft.com/en-us/library/gg610669.aspx): utenze di servizio, SPN, Database, etc etc… tutto và alla perfezione!

Il Virtual Machine Manager funziona a dovere anche durante la configurazione dell’ambiente: collego il cluster, configuro le virtual network… tutto ok!

Provo a collegarmi alla console dal mio pc… ERROR 1604:

You cannot access VMM management server XYZ.

Contact the Virtual Machine Manager administrator to verify that your account is a member of a valid user role and the try the operation again.

ID: 1604

ERROR_1604

Come specifica l’errore, verifico l’utenze: tutte perfettamente configurate.

Ricordo che la mancata o errata configurazione degli SPN porta a questo errore. Un rapito SETSPN -l <nome.server> mi indica che anche gli SPN sono correttamente funzionanti.
Sgooglo… Voci dai forum consigliano di reinstallare il VMM mantenendo le configurazioni attuali (spuntare la voce “mantieni il DB” nel wizard di disinstallazione)
Non ho altre scelte… provo.

La disinstallazione finisce con esito positivo mantenendo il DB invariato… bene.
Procedo con la reinstallazione. Da qua escono gli errori più stravaganti: da errori sul WMI (da event viewer della macchina), all’impossibilità di leggere lo schema di AD (dalla console del wizard).
Dopo svariate ricerche e tentativi -infruttuosi- procedo con la strada più drastica: utilizzo un DB nuovo mandando a spigolare tutto il lavoro di configurazione precedentemente svolto:
– l’installazione termina con esito positivo
– la console è raggiungibile da qualsiasi parte senza errori

Riassumendo sull “ERROR 1604”:
– Verificare utenze
– Verificare SPN
– Reinstallare il SC VMM mantenendo le impostazioni
– Rifare il server da zero